È iscritto presso il Ministero della Giustizia al n° 220 del registro degli organismi di mediazione ai sensi del D.L.vo n° 28/2010
Cerca
[carattere normale] [carattere grande]
sabato 25 novembre 2017
Home   »   La mediazione   »   Il consulente tecnico


Il perito

Nelle controversie  che  richiedono specifiche competenze tecniche, il mediatore può  avvalersi  di  esperti  iscritti  negli  albi  dei consulenti  presso  il  tribunale del luogo ove ha luogo la mediazione.

 

Si riporta il testo dell'art.7 del nostro regolamento:

Art 7– CONSULENTE TECNICO, PERITO, INTERPRETE E TRADUTTORE.

Il responsabile dell’Organismo, su richiesta del mediatore, sempre che tutte le parti siano d'accordo e si impegnino a sostenerne gli eventuali oneri in eguale misura, salvo diverso accordo, provvede a nominare un consulente tecnico. Il compenso del consulente tecnico sarà determinato sulla base del Tariffario stabilito per i consulenti tecnici del Tribunale e al pagamento dello stesso provvederanno, previo conteggio da parte del consulente, direttamente le parti. Il consulente sarà scelto tra quelli iscritti all’albo dei consulenti e periti del Tribunale più vicino alla sede della mediazione e solo in casi eccezionali in albi di altri Tribunali. La perizia deve essere conclusa entro venti giorni e nel detto termine il consulente fornirà sia alle parti sia al mediatore la relazione scritta e tutti gli elaborati necessari, e si dovrà rendere disponibile a partecipare alla successiva sessione di mediazione, sia collegiale sia individuale. La somma preventivamente concordata potrà essere modificata solo con il consenso delle parti, che né assumono l’onere, sia dal mediatore. Il Consulente nell’accettare l’incarico riconoscerà che i suoi clienti sono le parti della procedura di mediazione e non il mediatore e la “Media & Arbitra S.r.l.”, e solo verso loro potrà avanzare pretese economiche, nei limiti dell’importo concordato inizialmente o successivamente. Le parti dovranno, entro il giorno lavorativo successivo all’accettazione dell’importo pattuito, versare sul c/c bancario dell’Organismo la propria quota parte delle spese relative. L’importo riscosso sarà a conclusione dell’attività del consulente versato a questi, che comunque, se non interamente soddisfatto, potrà avanzare unicamente le proprie richieste di saldo alle parti nei suoi confronti inadempienti.  





Tag cloud